ORPIMENTO

Orpimento

 L’orpimento è un minerale la cui classe di appartenenza è quella dei solfuri. Il termine orpimento deriva dalla parola francese “orpiment” la quale si richiama al sostantivo latino “auripigmentum” che ha il significato di pigmento avente lo stesso colore dell’oro. Dall’etimologia dal termine, dunque, si ricavano già alcune utili informazioni in merito alle caratteristiche dell’orpimento. Quello che è possibile intuire sin da subito, infatti, è che vi è una certa somiglianza, almeno sotto l’aspetto cromatico, tra il colore dell’orpimento e quello dell’oro. Il colore di questo minerale è un giallo molto luminoso ed è per tale ragione che viene fatto l’accostamento con il colore dell’oro.

CARATTERISTICHE FISICHE DELL’ORPIMENTO

L’orpimento è un solfuro di arsenico. Sotto l’aspetto delle proprietà cristallografiche è necessario specificare che l’orpimento appartiene al gruppo cristallino trimetrico ed al sistema monoclino. L’abito cristallino è composto da masse terrose o, in alternativa, da fogli. L’abito può presentarsi anche in forma fibrosa, mentre solo in rare occasioni si nota la presenza di minuscoli cristalli tubolari che potrebbero sembrare ortorombici ma non lo sono.

Per quanto concerne le proprietà fisiche dell’orpimento la sua densità è di 3,48 g/cm3. La durezza varia da 1,5 a 2 sulla scala Mohs. La lucentezza può variare da perlacea a resinosa. Per quanto concerne la trasparenza i cristalli possono essere traslucidi o trasparenti. Quando essi sono presenti in masse allora tendono a diventare opachi. La sfaldatura avviene in maniera perfetta lungo le varie direzioni. Nello specifico, la sfaldatura porta alla formazione di lamelle flessibili e non elastiche. Lo striscio è di polvere gialla mentre la frattura è scagliosa.

Se, invece, vogliamo soffermarci un attimo sulle caratteristiche chimiche dell’orpimento ci sembra interessante sottolineare il suo grande potere coprente. Questo minerale non si altera nell’acido. Le eccezioni riguardano solo le soluzioni acide in piombo ed in rame. Si scioglie nell’acqua regia e negli alcali. A contatto con l’aria si ossida e può diventare velenoso. Dal punto di vista della composizione chimica è formato per il 61& da arsenico e per il 39% da zolfo.

GENESI E GIACIMENTI DI ORPIMENTO

l’origine dell’orpimento è di tipo idrotermale. Essa si origina nelle sorgenti fredde, nelle fumarole dei vulcani ma anche in seguito all’alterazione del realgar il quale rappresenta solfuro di arsenico di colore rosso aranciato. E’ possibile rinvenire l’orpimento in compagnia di antimonite, calcite, gesso e barite, oltre che del già citato arsenico e dei solfuri metalliferi come l’enargite e la pirite. In linea generale, l’orpimento si trova in diversi giacimenti di metalli.

La presenza dell’orpimento è stata accertata in diversi continenti. In Europa i campioni più belli sono stati scoperti ad Alsar, in Macedonia. Altre località di ritrovamento sono Binntal, in Svizzera, Baia Sprie, in Romania, e nella valle francese della Valgaudemar. Altre miniere si trovano in Sassonia, Norvegia e Boemia.

Nel continente americano possiamo citare come paesi nei quali è stato ritrovato questo minerale il Perù, gli Stati Uniti d’America, il Messico e il Canada. Tracce di orpimento pare siano state rinvenute anche in Australia, in Iran, nella parte asiatica della Turchia ed in Georgia. Sembra, dunque, essere solo il continente africano quello in cui non sia presente l’orpimento.

Esistono diversi giacimenti di orpimento anche in Italia. Tale minerale è stato rinvenuto in provincia di Sondrio, presso Pizzo Canciano ma anche in provincia di Cuneo, Imperia e Udine. Nelle regioni centro-settentrionali l’orpimento è presente nelle miniere di mercurio del Monte Amata mentre per trovare tracce di questo minerale al sud bisogna dirigersi nei pressi della solfatara di Pozzuoli, dove lo si trova in qualità di prodotto del realgar.

USO DELL’ORPIMENTO

L’orpimento, in passato, veniva mescolato alla calce con l’obiettivo di togliere il pelo ai pellami. Poco alla volta ad esso è stato sostituito il solfuro di arsenico artificiale. Ancora oggi, nelle popolazioni orientali, si procede a mescolare l’orpimento con la calce per fini cosmetici, ovvero per preparare un depilatorio conosciuto come rusma. L’orpimento viene impiegato anche nei processi di estrazione dell’arsenico il quale serve come insetticida, funghicida e nell’industria del legname. L’orpimento può essere usato nella produzione di fuochi d’artificio. Nell’ambito della pittura viene utilizzato come pigmento.

CURIOSITÀ SULL’ORPIMENTO

Le curiosità legate all’orpimento riguardano il passato di questo minerale. Gli antichi erano convinti, per via del colore, che all’interno dell’orpimento vi fosse dell’oro. Nell’antichità, veniva utilizzato come medicamento nonché bruciato all’aria al fine di ricavarne una sostanza altamente tossica, vale a dire l’anidride arseniosa.

 

FONTI: www.mypietrepreziose.com


 

Per informazioni chiamare:

 

TEL:3493296016

MAIL: mondopietratorino@libero.it

 

TORINO

PIAZZA DE AMICIS 78 B - 10126

 

ORARIO:

​LUN-VEN

​10:30-14:00

​15:30-19:30

​SABATO

​10:30-12:30

​16:00-19:30

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© MONDO PIETRA Torino

Chiama

E-mail

Come arrivare