SELENITE

Composizione chimica: solfato di calcio idrato
Sistema cristallino: monoclino
Famiglia: solfati
Colore: bianco/trasparente
Chakra: 7°

La selenite è una pietra lunare e rigorosamente femminile. Delicatissima, bisogna maneggiarla con estrema cautela soprattutto quando non è stata lavorata e si trova allo stato grezzo. Io ne possiedo una sola, una “bacchetta” dalla lunghezza di circa 7-8 centimetri, grezza. La foto la potete vedere proprio qui sotto.

SELENITE

La selenite ricorda molto il gesso, tranne per il fatto che è opalescente. Appartiene in effetti alla famiglia dei gessi e viene spesso confusa con la pietra di luna a causa della sua traduzione letterale dal greco (selenites), la quale è appunto “pietra di luna”.

La selenite in cristalloterapia è legata al settimo chakra, per molti rappresenta un ponte che permette di comunicare con il divino. Il suo colore varia dal bianco al trasparente. In passato veniva utilizzata come “bacchetta”, cioè canale per entrare in contatto con il Sé Superiore o l’Universo.

Proprietà della selenite

Spirito

La selenite è fondamentalmente una pietra adatta alla meditazione perché permette di connettersi con estrema facilità ai piani superiori dell’esistenza ed entrare in contatto con la parte più profonda di sé. Si dice che faciliti anche le proiezioni astrali e permette a due persone di effettuare una trasmissione del pensiero. Se volete entrare in contatto con i vostri antenati o spiriti guida, la selenite è la pietra che fa a caso vostro. Pulisce energeticamente gli altri cristalli.

Distrugge gli schemi mentali dannosi ma con dolcezza. Lascia lo spazio alle nuove  concezioni. Permette così di raggiungere una certa stabilità dal punto di vista emotivo, senza per questo ridurre la capacità di “sognare a occhi aperti” e senza inibire la fantasia.

Mente

Grazie alla selenite troverete la vostra tranquillità e pace interiore, smusserete alcuni angoli del vostro carattere diventando più flessibili con gli altri e voi stessi.

Corpo

In cristalloterapia la selenite viene consigliata a coloro che hanno bisogno di fortificare il sistema nervoso. Essendo una pietra fortemente spirituale lavora principalmente in questo campo e le sue proprietà a livello fisico non sono molte. Tuttavia, secondo alcuni esperti del settore, aiuta il corpo ad assorbire il calcio e rafforza il sistema scheletrico.

Come si utilizza la selenite, 6 consigli

1. Potete portarla in tasca, scegliendo poissibilmente un piccolo esemplare. Per evitare che si rovini, vista la sua delicatezza, inseritela in un sacchetto in fibra naturale.

2. Potete montarla in ciondoli o meglio, incastonarla nelle classiche spirali in rame placcate in argento.

3. Potete dormirci perché promuove il sonno tranquillo e chiarificatore. E’ una pietra prevalentemente notturna e le sue energie in questa fase della giornata sono più potenti che mai. Tenetela vicino al letto o meglio ancora, nella federa del cuscino.

4. Utilizzatela durante la meditazione per entrare in contatto con il Sé Superiore. Potete semplicemente tenerla in mano. Preferite in questo caso la selenite a forma di bacchetta.

5. Mettete esemplari di selenite negli angoli della casa liberarla dalle energie indesiderate e per avere un ambiente sempre sicuro e schermato.

6. La selenite non può essere immersa in acqua. Ricordatevi che è parzialmente solubile e immergerla significa rovinarla. Non va bene quindi neanche per gli elisir. Potete lasciarla invece riposare su una drusa di quarzo oppure, eseguirvi sopra un trattamento reiki. L’ideale è caricarla con l’energia lunare.

 

FONTE: http://www.alchimiadellepietre.it

Per informazioni chiamare:

 

TEL:3493296016

MAIL: mondopietratorino@libero.it

 

TORINO

PIAZZA DE AMICIS 78 B - 10126

 

ORARIO:

​LUN-VEN

​10:30-14:00

​15:30-19:30

​SABATO

​10:30-12:30

​16:00-19:30

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© MONDO PIETRA Torino

Chiama

E-mail

Come arrivare